Benvenuto nel nuovo sito de "L'Erma di Bretschneider". Per una migliore navigazione assicurati di utilizzare la versione aggiornata del tuo browser.
Per scaricare la versione aggiornata del browser preferito clicca uno dei seguenti link:
Hai bisogno di assistenza? Clicca qui
*no text defined* Academia.edu
CHECKOUT
Shopping Cart -
Subjects
Africa
Ancient Near East
Archaeology
Architecture
Art History
Decorative Arts
Egypt
Epigraphy
General Philology
Greek Philology
History
Iconography
Latin Philology
Law
Linguistic / Literature
Middle and far East / Africa / Islam
Mosaics
Mythology / Religion
Numismatics
Painting
Papyrology
Philosophy
Pottery
Restoration / Conservation
Sculpture
Topography / Excavations
Varie
Series and journals
Search  
Advanced search
Start search
Ionios Poros. La Porta dell’Occidente. di Braccesi Lorenzo - - Hesperìa (HES) - N° 31
  Ionios Poros. La Porta dell’Occidente.
Ionios Poros. La Porta dell’Occidente.
Secondo Supplemento a Grecità adriatica.
Braccesi Lorenzo

Year: 2014
Edizione: L'ERMA di BRETSCHNEIDER
Series
ISBN: 978-88-913-0687-6
Pages: 180
Dimensione PDF: 1.39 MB

Digital Edition
 
Preview

Product code: DE012879


Price€ 95,00
Qty  
Buy digital version in PDF
Reccomand to a friend
Acquista i singoli articoli / buy the single articles
La scoperta del canale di Otranto. € 25,00 
Corcira, Atene e le vie dell'Occidente. € 25,00 
Dionigi il Grande, Siracusa e il canale di Otranto. € 25,00 
I primi condottieri stranieri. € 25,00 
Atene, Alessandro e il canale di Otranto. € 25,00 
I secondi condottieri stranieri. € 25,00 
Il canale di Otranto nell'età del conflitto annibalico. € 25,00 
Conclusione, con proiezione all'Avanti. € 25,00 

How to buy Digital Edition books

Subjects: atene, politica, roma, storia, adriatica, alessandro il molosso, annibale , canne, corcira, cretese, daunia, diomedea, gargano, grecità, otranto, pirro, salento, troiana,
Abstract Table of contents Authors / Editors
Dalla premessa di Lorenzo Braccesi

L' intenzione iniziale era quella di scrivere un saggio di ampio respiro sul canale di Otranto in età antica, dalla navigazione arcaica all' egemonia romana, ma poi il libro, quasi inavvertitamente, mi è sfuggito di mano. L' ampio respiro è forse rimasto, ma in un volume che non si configura più come frutto di saggistica impegnata, bensì come risultato di un' indagine mirata sul particulare' e quindi per più aspetti innovativa. Il limite è che il lettore avvezzo a sfogliare i libri di storia sugli scaffali delle librerie, se non mai cimentatosi in temi di antichistica, lo potrà trovare di non agevole approccio; il pregio è che anche l' addetto ai lavori potrà trarre giovamento dalla sua scrittura distesa con traduzione di tutte le testimonianze richiamate in discussione e senza un soverchiante (e spesso inutile) apparato di note.
Ma perché il libro è mutato in corso d' opera? Perché, di necessità allargandosi il campo di ricerca, ho dovuto in non pochi casi procedere a revisioni e ad approfondimenti di quanto talora ho scritto, senza più rileggermi, oltre quaranta anni fa. Ero allora un giovanissimo studioso, dotato più di passione che di dottrina. Se il tempo non ha affievolito la prima e, viceversa, ha incrementato la seconda, anche questo libro non sarà stato inutile. Le sue pagine, di fatto, si cimentano con ciò che non ho mai scritto, ma che da sempre avrei voluto (forse dovuto) scrivere. Per questo il sottotitolo rimanda a Grecità adriatica. Sì come secondo supplemento' , ma questa volta come supplemento' unitario, autonomo e di spessore monografico.
Dunque, dopo Hellenikòs kolpos, Ionios poros! Un tema che finora avevo trascurato nelle mie ricerche almeno nella sua dimensione più ampia e totalizzante. Un libro dove preciso la funzione, talora complementare, della seconda rotta per l' occidente con approdo, non a Otranto o dintorni, ma al Gargano; dove riesamino la centralità del ruolo di Corcira sull' arco di più secoli; dove, alla luce della realtà di Pelagosa/Palagrua, riconsidero il problema delle rotte adriatiche; dove indugio sul rapporto tra le leggende diomedea e troiana e cretese, chiarendo - anzitutto a me stesso - l' esegesi di due tormentati luoghi licofronei. Ma non solo. E' questo anche un libro nel quale alcune indagini mirate, con più affinata rilettura delle fonti, mi hanno consentito di chiarire come proprio Otranto sia stata sede di una delle due apoikiai adriatiche del secondo Dionigi (l' altra è forse stata Siponto) e poi un phrourion di Alessandro il Molosso; di riscoprire, inoltre, un'imitatio Achillis, mai presa in considerazione, in un gesto teatrale di Pirro; di determinare, ancora, perché, dopo Canne, Annibale da Capua sia di nuovo tornato sulla costa adriatica - in Daunia e nel Salento - trascurando di valersi del vantaggio della sua grande vittoria per piombare su Roma, stremata e demoralizzata.
Ovviamente molti altri temi affronta il libro, che lascio al lettore di riscoprire e valutare nella loro consistenza. Accomiatandomi da lui, mi sia però consentito di indirizzare un ringraziamento, non di circostanza, a Flavio Raviola, che, a partire dal volume trentesimo, dirige Hesperìa. Flavio, il subalpino, l' unico tra i miei allievi più maturi degno di questo nome! Cui, nel ricordo, non posso non associare i miei ultimi, e più giovani, scolari patavini Andrea Debiasi ed Elena Pastorio, nonché l' adottata e carissima Maddalena Bassani.

Pesaro, luglio del 2013.

L. B.

PREMESSA di Lorenzo Braccesi

CAPITOLO I. LA SCOPERTA DEL CANALE DI OTRANTO
1. LA ROTTA MICENEA
2. CORCIRA E LA PIÙ ANTICA ROTTA EUBOICA
3. LE DUE OMONIME ISOLE DEI FEACI
4. IL NOME DEL CANALE DI OTRANTO
5. CORCIRA COLONIA CORINZIA
6. IL RUOLO DI DELFI E IL CROCEVIA DEL CANALE DI OTRANTO
7. LA REPRESSIONE DELLA PIRATERIA
8. LA PRIMA BATTAGLIA NAVALE PER IL CONTROLLO DELLA VIA DELL' OCCIDENTE

CAPITOLO II. CORCIRA, ATENE E LE VIE DELL' OCCIDENTE
1. CORCIRA, LOSPLENDIDO ISOLAMENTO
2. TEMISTOCLE, CORCIRA E LA POLITICA MARINARA DI ATENE
3. CORCIRA PROTETTRICE DEI COMMERCI ATENIESI
4. LA PIRATERIA NEL QUINTO SECOLO, TRA IONIO E ADRIATICO
5. ATENE E LE VIE DELLA LEGGENDA TROIANA
6. LA LEGGENDA TROIANA E IL MONDO INDIGENO

CAPITOLO III. DIONIGI IL GRANDE, SIRACUSA E IL CANALE DI OTRANTO
1. DIONIGI IL GRANDE E IL CONTROLLO DEL CANALE DI OTRANTO
2. LE DUE ROTTE VERSO L' ALTRA SPONDA
3. DIONIGI IL GRANDE E LA LEGGENDA DI DIOMEDE
4. LE COLONIE DI DIONIGI IL GIOVANE
5. DIONIGI IL GIOVANE E LA LEGGENDA DI IDOMENEO
6. IL NAUFRAGIO DI ARCHITA

CAPITOLO IV. I PRIMI CONDOTTIERI STRANIERI'
1. TARANTO E IL NUOVO QUADRO POLITICO
2. LA SPEDIZIONE DI ARCHIDAMO
3. LA SPEDIZIONE DEL MOLOSSO
4. LA RESURREZIONE DELLA LEGGENDA ETOLICA DI DIOMEDE

CAPITOLO V. ATENE, ALESSANDRO E IL CANALE DI OTRANTO
1. ALESSANDRO E ATENE, UNA PREMESSA NECESSARIA
2. L' ULTIMA ATENE, IL PROBLEMA DEL GRANO E DELLA PIRATERIA
3. IL CANALE DI OTRANTO E I PROGETTI OCCIDENTALI DI ALESSANDRO

CAPITOLO VI. I SECONDI CONDOTTIERI STRANIERI'
1. CLEONIMO E LA CONQUISTA DI CORCIRA
2. AGATOCLE E LA PROIEZIONE SU LCANALE DI OTRANTO
3. PIRRO E IL PONTE' TRA LE DUE SPONDE ADRIATICHE
4. ANCORA SULLA RIVITALIZZAZIONE DELLA LEGGENDA ETOLICA DI DIOMEDE

CAPITOLO VII. IL CANALE DI OTRANTO NELL' ETÀ DEL CONFLITTO ANNIBALICO
1. I ROMANI SULL' ALTRA SPONDA E IL BLOCCO DELLA PIRATERIA ILLIRICA
2. DEMETRIO DI FAROE FILIPPO V DI MACEDONIA
3. SECONDA GUERRA PUNICA E PRIMA GUERRA MACEDONICA
4. ANNIBALE TEMPOREGGIA E FILIPPO INDUGIA
5. ANNIBALE AD ARPI
6. ANNIBALEA TARANTO
7. I DUE FILIPPI E IL FALLIMENTO DELL' EUROPA GRECA

CONCLUSIONE, CON PROIEZIONE ALL' AVANTI
Back
Copyright ® 2007-2016 L'Erma di Bretschneider, All rights reserved
L'Erma di Bretschneider Spa - Via Cassiodoro, 11 - P.O.Box 6192 - 00193 ROMA (IT)-P.IVA 00980691000
Tel. +39.06.68.74.127 - Fax+39.06.68.74.129
Log in restricted area
e-Mail
Password
Log in
 
 
L'Erma award for Archeology 2016
 
L'Erma award for Art History 2016
 
 
 
 
Info
Where we are
Editorial Guidelines
Publish With Us
Customer Service
Contact Us
Sale Conditions
Site Map
Account
Profile
Order history
Newsletter
L'Erma Awards
L'Erma award for Archeology 2016
L'Erma award for Art History 2016