Benvenuto nel nuovo sito de "L'Erma di Bretschneider". Per una migliore navigazione assicurati di utilizzare la versione aggiornata del tuo browser.
Per scaricare la versione aggiornata del browser preferito clicca uno dei seguenti link:
Hai bisogno di assistenza? Clicca qui
*no text defined* Academia.edu
CHECKOUT
Shopping Cart -
Subjects
Africa
Ancient Near East
Archaeology
Architecture
Art History
Decorative Arts
Egypt
Epigraphy
General Philology
Greek Philology
History
Iconography
Latin Philology
Law
Linguistic / Literature
Middle and far East / Africa / Islam
Mosaics
Mythology / Religion
Numismatics
Painting
Papyrology
Philosophy
Pottery
Restoration / Conservation
Sculpture
Topography / Excavations
Varie
Series and journals
Search  
Advanced search
Start search
La cittadinanza tra impero, stati nazionali ed Europa. di - Barbulescu Mihai | Silverio Enrico | Felici Maurilio - Quaestio (Quaestio) - N° 3
  La cittadinanza tra impero, stati nazionali ed Europa.
La cittadinanza tra impero, stati nazionali ed Europa.
Studi promossi per il MDCCC anniversario della constitutio Antoniniana.
Edited by Barbulescu Mihai e Silverio Enrico e Felici Maurilio
Year: 2017
Edizione: L'ERMA di BRETSCHNEIDER
Series
ISBN: 978-88-913-0861-0
Binding: Brossura
Pages: 342, 2 ill. B/N
Size: 17 x 24 cm

-50%


Preview

Product code: 00012956


Price€ 95,00    € 190,00 €
Qty  
Add to cart
Reccomand to a friend
Subjects:
Abstract Table of contents Authors / Editors
Il volume comprende saggi ideati e raccolti in occasione del XVIII centenario dell' Editto di Caracalla, organizzati in cinque parti secondo un percorso cronologico e pubblicati solo ora per circostanze indipendenti dai curatori. La prima parte dell' opera analizza lo strutturarsi della condizione del civis nell' età monarchica e repubblicana, illustrando il ritenuto favor con il quale essa sarebbe stata accordata, mentre la seconda parte si sofferma sull' età imperiale occupandosi del rapporto tra cittadinanza, centro e periferia in rapporto alla Dacia ed alla sua romanizzazione - concetto la cui generale validità deve essere ribadita con forza contro recenti interpretazioni figlie dell' ideologia post-bellica -, al significato delle emissioni monetali nelle province imperiali e naturalmente alla luce della constitutio Antoniniana.
La terza parte dell' opera esamina i particolari riflessi sulla cittadinanza della caduta della pars Occidentis e del sorgere di nuovi spiriti identitar nonché le trasformazioni dell' idea di nazione e di civitas nell' Europa dei fragili equilibri tra ' 600 e ' 700, giungendo ad occuparsi dei delicati concetti degli status personali nell' Italia d' età napoleonica. La quarta parte è invece dedicata all' analisi degli interventi legislativi e dottrinali in tema di mutamento della nozione di cittadinanza in Italia durante gli anni del Regime fascista. La quinta ed ultima parte analizza il rapporto tra cittadinanza ed estraneità sotto il profilo penalistico nel diritto interno italiano nonché il rapporto tra cittadinanza nazionale e cittadinanza europea.
L' opera non venne progettata nel quadro dell' ancor recente dibattito politico italiano sullo ius soli. È fortemente auspicabile che in una materia tanto importante l' interesse politico e la pur essenziale difesa dei diritti umani cedano il posto ad una serena ed informata riflessione. Per questo il tentativo di una sintesi storico-giuridica sul rapporto tra cittadinanza, Impero - cioè realtà sovrannazionale - e Stati nazionali in quell' Europa da cui ha avuto origine il mondo moderno appare oggi sempre più utile.


QVAESTIO
Mentre mi appresto all' interpretazione delle leggi antiche, ho ritenuto che in primo luogo occorresse necessariamente fare delle ricerche dagli inizi dell' Urbe, non perché io voglia fare verbosi commentar, ma poiché in ogni cosa avverto essere perfetto solo ciò che consta di ognuna delle sue parti: e di certo in ogni cosa il principio è la parte essenziale.
L' imperatore Giustiniano faceva inserire queste parole del giurista Gaio, vissuto all' epoca di Adriano, all' interno del primo libro dei Digesta (1, 2, 1), la grandiosa opera di compilazione della giurisprudenza romana da lui fortemente voluta e pubblicata nel 533 d.C. Si tratta delle parole attraverso cui è definitivamente fissato il principio dell' appartenenza della storia al sistema del diritto e questo principio per esplicita volontà dell' imperatore è definito valido, così come l' intero contenuto della sua attività normativa, in ogni tempo, cioè anche per il futuro. La storia, dunque, appartiene al diritto e quindi a sua volta il diritto non può fare a meno della storia: in questo risiede l' importanza degli studi di diritto romano ed in generale degli studi sui diritti antichi.
Sulla base di questo insegnamento, Qvaestio intende proporsi al pubblico esaltando il rapporto tra storia e diritto ed anzi rendendolo il proprio tratto distintivo, realizzando inoltre studi monografici o collettanei in grado di affrontare i temi prescelti secondo tutte le prospettive, sia antiche che moderne, evidenziando linee di continuità o discontinuità all' interno della materia di volta in volta studiata. Dunque, grazie ad un Comitato Scientifico composto non solo da giuristi, sia antichisti che positivi, ma anche da archeologi e storici, non soltanto l' approccio strettamente storico-giuridico, che rimane la base di partenza iniziale ed essenziale, ma anche ad esempio quello topografico, epigrafico o numismatico. Non solo, inoltre, il confronto con la storia antica ma anche, quando il tema di ricerca lo richieda, con quella medioevale, moderna e contemporanea per evidenziare le linee di continuità o discontinuità tra gli ordinamenti antichi e quelli moderni, giungendo in moltissimi casi alla nostra contemporaneità.

Enrico Silverio


Enrico Silverio, Prefazione
Maurilio Felici - Mihai Brbulescu, Introduzione

I Parte: Essere civis: dall' età arcaica alla fine della repubblica
Cap. 1: Manuela Zelaschi, L'Asylum di Romolo
Cap. 2: Maria Pia Baccari, Civitas amplianda e favor libertatis
Cap. 3: Maurilio Felici, Aspetti dell'espansione municipale' romana all' indomani della guerra latina

II Parte: La cittadinanza tra principato e dominato
Cap. 1: Radu Ardevan, Cittadinanza e romanizzazione. La Dacia romana
Cap. 2: Giovanni Lobrano, La constitutio Antoniniana de civitate peregrinis danda del 212 d.C.: il problema giuridico attuale di ri-comprendere scientificamente la cittadinanza per ri-costruirla istituzionalmente
Cap. 3: Dario Calomino, Identità civica ed autonomia locale: il ruolo politico-culturale della moneta nelle province romane imperiali
Cap. 4: Federica Tamburello, Romani e barbari: rapporti commerciali e culturali oltre i confini dell' impero

III Parte: Nazionalità, territorio e cittadinanza.
Cap. 1: Carlo Gamba, La dissoluzione dell' impero d' Occidente e l' insorgere di nuove nationes
Cap. 2: Maria Teresa Napoli, Oltre Westfalia: nazione cittadinanza nel Droit des Gens di Emer de Vattel
Cap. 3: Carlo Bersani, Cittadini / sudditi. Aspetti di un' esperienza europea nel XVII secolo
Cap. 4: Paolo Alvazzi del Frate, Persona et res publica en Italie à l'époque napoléonienne

IV Parte: Dall' Europa delle Nazioni all' Europa dei totalitarismi
Cap. 1: Emilio Gentile, La cittadinanza nel regime totalitario fascista
Cap. 2: Giordano Ferri, La cittadinanza e la personalità dello Stato nel regime fascista

V Parte: La cittadinanza tra Stato nazionale ed Europa
Cap. 1: Maria Teresa Trapasso, Questioni relative all' integrazione. Relativismo culturale e profili di carattere penale
Cap. 2: Maria Irene Papa, La cittadinanza dell' Unione Europea. Prospettive di sviluppo

Back
Copyright ® 2007-2016 L'Erma di Bretschneider, All rights reserved
L'Erma di Bretschneider Spa - Via Cassiodoro, 11 - P.O.Box 6192 - 00193 ROMA (IT)-P.IVA 00980691000
Tel. +39.06.68.74.127 - Fax+39.06.68.74.129
Log in restricted area
e-Mail
Password
Log in
 
 
L'Erma award for Archeology 2016
 
L'Erma award for Art History 2016
 
 
 
 
Info
Where we are
Editorial Guidelines
Publish With Us
Customer Service
Contact Us
Sale Conditions
Site Map
Account
Profile
Order history
Newsletter
L'Erma Awards
L'Erma award for Archeology 2016
L'Erma award for Art History 2016