Benvenuto nel nuovo sito de "L'Erma di Bretschneider". Per una migliore navigazione assicurati di utilizzare la versione aggiornata del tuo browser.
Per scaricare la versione aggiornata del browser preferito clicca uno dei seguenti link:
Hai bisogno di assistenza? Clicca qui
*no text defined* Academia.edu
CHECKOUT
Shopping Cart -
Subjects
Africa
Ancient Near East
Archaeology
Architecture
Art History
Decorative Arts
Egypt
Epigraphy
General Philology
Greek Philology
History
Iconography
Latin Philology
Law
Linguistic / Literature
Middle and far East / Africa / Islam
Mosaics
Mythology / Religion
Numismatics
Painting
Papyrology
Philosophy
Pottery
Restoration / Conservation
Sculpture
Topography / Excavations
Varie
Series and journals
Search  
Advanced search
Start search
Picturae etruscorum in vasculis. di Masci Maria Emilia - - Monumenti Musei e Gallerie Pontificie. Museo Gregoriano-Etrusco. Documenti e Monografie. (MUGEDEM) - N° 1
  Picturae etruscorum in vasculis.
Picturae etruscorum in vasculis.
La raccolta Vaticana e il collezionismo di vasi antichi nel primo Settecento.
Masci Maria Emilia

Year: 2008
Edizione: L'ERMA di BRETSCHNEIDER
Series
ISBN: 978-88-8265-431-3
Binding: Brossura
Pages: 750, 420 ill. B/N, 194 ill. Col.
Size: 24,5 x 32 cm
 

Product code: 00012054


Price€ 473,00
Qty  
Add to cart
Reccomand to a friend
Subjects:
Abstract Table of contents Authors / Editors
Attraverso la ricerca su testi e disegni presenti nei fondi archivistici viene restituito un ampio capitolo di storia del collezionismo e della cultura, incentrato sulla collezione di vasi figurati che intorno al 1733 era già presente nella Galleria Clementina della Biblioteca Vaticana. I vasi, originariamente disposti sopra gli armadi in cui erano custoditi i volumi, furono poi rimossi intorno al 1900 per raggiungere il Museo Gregoriano Etrusco.
Negli anni trenta del Settecento, la collezione dei vasi vaticana è al centro delle attenzioni degli ambienti eruditi e assume un valore paradigmatico nella codificazione e nella diffusione di questo genere di raccolte. Dato che in essa era confluita anche una parte della raccolta seicentesca di Giuseppe Valletta, Winckelmann aveva agio di sottolineare una sorta di primato, affermando che "la prima collezione che siasi fatta di antichi vasi è, per quanto io so, quella della Biblioteca Vaticana".
I disegni della collezione vaticana, realizzati nel 1734 dal pittore Bartolomeo Poli, assunsero un ruolo fondamentale quando Anton Francesco Gori con Giovan Battista Passeri concepirono l'idea di un corpus che compendiasse al meglio le collezioni di vasi figurati "etruschi" allora esistenti. Gori e Passeri riuscirono a raccogliere i disegni di 469 vasi, di cui ne furono pubblicati 249 nei primi tre tomi del Picturae Etruscorum in Vasculis che il Passeri riuscì, con non poche peripezie, a stampare tra il 1767 e il 1775; i rimanenti 220, che dovevano costituire i tomi IV e V, restarono inediti.
Grazie a questo volume, vede finalmente la luce, dopo 233 anni, l'opera integrale del Passeri, emendata anche dagli errori che ricorrono nei tre tomi stampati, grazie al minuzioso confronto con i disegni originali rintracciati in archivio.
Viene così identificata e ricostruita buona parte dell'originaria collezione di vasi della Biblioteca Vaticana, allora come oggi la più consistente tra tutte le raccolte settecentesche, sopravvissuta a dispersioni e smembramenti. Quella vaticana risulta così inserita nel contesto più generale delle 58 collezioni censite tra la metà del Seicento e la prima metà del Settecento, tutte elencate nel volume e delle quali viene puntualmente seguita la diaspora nel corso di almeno tre secoli.
Sullo sfondo del quadro epocale delineato da questo studio, riemerge infine, sotto una nuova luce, la questione etrusca in merito all'attrubuzione dei vasi figurati, tema che occupò il dibattito culturale tra XVII e XVIII secolo.
From the Contents:
Parte I: Trattazione; Introduzione; 1. Le fonti della ricerca; 2. Il collezionismo antiquario di vasi figurati. La ricostruzione storica e l' interpretazione critica; 3. Le collezioni; 4. I Materiali raccolti; Parte II: Schede dei documenti; premessa metodologica; Parte III: Schede dei vasi; Sigle delle biblioteche; Abbreviazioni bibliografiche; Sommario.
Back
Copyright ® 2007-2016 L'Erma di Bretschneider, All rights reserved
L'Erma di Bretschneider Srl - Via Marianna Dionigi, 57 - P.O.Box 6192 - 00193 ROMA (IT)-P.IVA 00980691000
Tel. +39 06.687.41.27 - Fax +39 06.960.38.796
Log in restricted area
e-Mail
Password
Log in
 
 
L'Erma award for Archeology 2019
 
L'Erma award for Art History 2016
 
 
 
 
Info
Where we are
Editorial Guidelines
Publish With Us
Customer Service
Contact Us
Sale Conditions
Site Map
Account
Profile
Order history
Newsletter
L'Erma Awards
L'Erma award for Archeology 2019
L'Erma award for Art History 2016